Elio Fiorucci

Elio ci ha lasciati nel 2005. Ho avuto il grande privilegio di essergli amica e di collaborare con lui. Che cosa mi ha insegnato? Ad anticipare, sempre. Tendenze, mood, espressioni dei tempi. Ci ha accomunato lo stesso tipo di immaginazione, lo stesso taglio creativo ironico e dissacrante nella comunicazione.

Questa è una mini intervista che ogni tanto rileggo con un po’ di commozione.

Grazie, Elio.

Nicoletta Poli

Che cosa la lega alla Marketing Consultants?

Una grande affinità di pensiero e di visione, conosco l’agenzia da sempre. Nicoletta (Direttore Creativo dell’agenzia, n.d.r.) ha iniziato a collaborare con me quando ancora stava studiando, quindi se ha deciso di dedicare la sua vita alla creatività, è un po’ colpa mia!

La prima cosa che le viene in mente pensando all’agenzia?

La loro sede, un mondo così speciale che, unito alla loro capacità di vedere le cose con occhi diversi, mi fa venire in mente la loro grande fantasia, che molto mi assomiglia.

Se Marketing Consultants fosse un colore quale sarebbe?

Un caleidoscopio di colori fluorescenti.

Una caratteristica che trova solo in loro e in nessun altro?

Pensano con il cuore.

La cosa che apprezza di più?

La capacità di rinnovarsi continuamente.

Quando entra nei loro uffici, qual è la prima cosa che pensa?

Che mi somigliano.

Come li descriverebbe a chi non è ci mai entrato?

Mi servirebbero tanti aggettivi e tutti positivi.

La Marketing Consultants in una parola sola?

Geniali.